Nwoverland

Nwoverland

SCARICARE CORO DEI TIFOSO DELL AVELLINO CALCIO

Posted on Author Akinogami Posted in Autisti


    Non sempre però è così, anzi: i tifosi dell'Avellino hanno dimostrato il grande cuore di chi il calcio lo ama davvero. É sabato pomeriggio e al. Grandissimo tifoso dell'Avellino Calcio e della Scandone, nonché amico Avellino Calcio, effetto D'Agostino: fumogeni e cori dei tifosi a Montefalcione (​Video). Avellino Calcio» L'Avellino senza campionato ferma la Roma. I tifosi liberano l'​urlo, la squadra può scaricare mille tensioni. 45'+1′ – Pareggio dell'Avellino con Paghera che piazza il rasoterra alle spalle di Fuzato: ottimo lavoro di Ardemagni, Infuriano i cori contro Taccone nella curva avellinese. I tifosi dell'Hellas gremiscono gli spalti del Bentegodi nel Nella presente pagina sono riportate informazioni sulla storia, evoluzione dei gruppi I tifosi veronesi del ventennio d'oro divennero ben presto famosi per i cori, per la compattezza Un gemellaggio molto sentito, uno tra i primi nella storia del calcio italiano.

    Nome: coro dei tifoso dell avellino calcio
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 64.74 MB

    Video I cori dei tifosi dell'Avellino per i bambini del San Giacomo 11 febbraio Spesso i tifosi hanno una brutta nomea: violenti, razzisti, esagerati. É sabato pomeriggio e al Piola il clima è grigio per l'Avellino: gli ospiti stanno perdendo per 4 a 1 contro il Novara. I tifosi arrivati a supporto della propria squadra escono dallo stadio scoraggiati, quando notano che nel campetto vicino si sta disputando un altro match: quello degli esordienti della San Giacomo.

    É allora che scatta la magia: gli irpini decidono di avvicinarsi e seguire la partita. Addirittura i piccoli campioni vengono chiamati "sotto la curva" per salutare quei tifosi che hanno dimostrato che il calcio non è solo agonismo, ma anche e soprattutto cuore. Ma poi abbiamo capito: volevano solo fare il tifo per noi. Sono iniziati i cori e i ragazzi in campo entrambe le formazioni erano della polisportiva San Giacomo si sono sentiti in serie A.

    Quel giorno un gruppo di campani non si era accontentato di incitare la propria squadra per tutta la gara poi persa Di colpo i piccoli della San Giacomo si erano trovati a giocare davanti ad una mini curva improvvisata con sciarpe biancoverdi e cori tutti per loro.

    Il video aveva fatto il giro del web con migliaia di clic.

    Con la città di Avellino è nata una specie di gemellaggio. Per il ritorno a Novara avevamo anche organizzato un incontro con un loro piccolo tifoso che purtroppo soffre di una grave malattia. Doveva venire a Novara con la famiglia e partecipare alla festa della nostra polisportiva la sera prima della gara.

    Gli esordienti, la stessa formazione che a febbraio aveva conosciuto quei tifosi speciali, hanno comunque accolto i biancoverdi imitando il loro coro al Piola. Gli avellinesi, arrivati in , hanno ascoltato e risposto con un applauso.

    Questo dovrebbe essere lo spirito che accompagna tutte le partite. Lo scambio, peraltro, non si è fermato dopo i 90 minuti di campionato.

    Condividi L'articolo

    La svolta nello stile del tifo si ebbe nel , quando i brigatisti strinsero la storica amicizia con i tifosi del Chelsea iniziando ad esporre allo stadio l'ancora oggi consueta Union Jack.

    I tifosi veronesi del ventennio d'oro divennero ben presto famosi per i cori, per la compattezza della loro curva e per l'originalità nel proporre testi sempre nuovi, oltre che per la tendenza a denigrare e a sminuire l'avversario di turno [2].

    Nella seconda metà degli anni settanta, con l'aumentare della matrice politica in molti gruppi ultras tra cui le stesse Brigate e con la stipulazione della maggior parte dei gemellaggi e delle rivalità presenti ancor oggi tra tutte le tifoserie, i tafferugli e gli scontri tra tifosi si moltiplicarono.

    I tifosi del Verona, in seguito ad episodi come il "saccheggio" di Brescia del dicembre in cui andarono danneggiate più di auto finirono nell'occhio del ciclone per non uscirne mai più.

    In quell'occasione per tutta la durata dei festeggiamenti dei tifosi e dei giocatori dello Spezia risultati vincitori nel doppio confronto la curva dell'Hellas rimase piena, ad intonare cori di sostegno e di appartenenza. Attualmente, il numero degli iscritti all'associazione sono circa duemila.


    Nuovi articoli: