Nwoverland

Nwoverland

INDUTTANZA SCARICARE

Posted on Author Vorisar Posted in Autisti


    Contents
  1. Esempi di campi magnetici e calcolo di induttanze.
  2. Tabella codice colore induttanze
  3. Convertitore buck
  4. Transitori di accensione : esercizi risolti

fa scorrere corrente all' interno dell' induttanza e la seconda fase in cui l' energia immagazzinata nell' induttore permette lo scorrimento della. regola la carica di un induttore in un circuito RL. Introduzione. Il nostro lavoro è consistito nello studio del grafico della curva fornitaci dal gruppo dei fisici. L'induttanza è una costante tipica dell'induttore e il suo valore dipende dal numero di spire dell'avvolgimento e dalla caratteristiche geometriche e magnetiche. Minimizzazione delle induttanze parassite Le tecniche che si di uscita siano in grado di caricare e scaricare l'uscita in 1ns (tempo di transizione di 1ns).

Nome: induttanza
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 53.21 MB

Tuttavia se questo conduttore è avvolto, formando una spira, una corrente variabile che lo percorre genera un campo B variabile ed un conseguente flusso variabile; questo flusso interessa anche la stessa spira e genera su di essa una tensione indotta: ai capi del conduttore avvolto si genera una tensione e non si ha piu' il cortocircuito. Si parla di autoinduzione.

In altre parole il campo magnetico variabile prodotto dalla spira provoca effetti su se stessa. Quindi i conduttori percorsi da correnti variabili rimangono cortocircuiti solo se sono rettilinei. Sappiamo che nella spira si genera una fem indotta che causa una corrente.

L'analogia vale anche sul piano energetico.

Esempi di campi magnetici e calcolo di induttanze.

Il campo magnetico variabile che si crea a causa della corrente variabile immessa genera una f. Inserendo una tensione costante ai capi di un induttore si ha una derivata di corrente costante, cioè una corrente crescente nel tempo che quando raggiunge il valore massimo possibile brucia l'avvolgimento per effetto joule, visto che non esistono conduttori perfetti.

Il condensatore e l'induttore sono elementi reattivi, i quali dunque hanno senso in circuiti in regime sinusuodale o comunque variabile. Per studiare questi componenti in regime sinusoidale si utilizza il calcolo simbolico, che permette di sostituire le derivate e gli integrali con funzioni algebriche.

Vediamo se ho fatto un po di chiarezza: un condensatore non carico collegato a un generatore di tensione non si carica mai con passaggio di cariche tra le armature ma con il seguente processo: gli elettroni vanno dal polo negativo del generatore a un'armatura,le cariche positive di quest'ultima per repulsione si dispongono nella parte interna dell'armatura e attrangono un numero uguale di cariche negative all'interno dell'altra armatura,respingendo allo stesso tempo una quantità uguale di elettroni che si muoveranno verso il polo positivo del generatore.

Tabella codice colore induttanze

A questo punto se siamo in corrente continua,il processo si ferma e smette di circolare corrente. Nel caso di corrente alternata anche questa prima parte è vera suppongo ma una volta che la polarità si è invertita e il nostro circuito avrà a questo punto un condensatore carico ,gli elettroni che giungono sull'armatura del condensatore pari in numero a quelli di prima?

Ora invece arriva la parte più "oscura" , che farà forse ridere molti ma che io ho avuto comunque il coraggio di interpretare a modo mio Quando poi la polarità viene invertita inizia a circolare corrente in senso opposto di intensità pari a quella di prima?

Supponiamo che il condensatore scarico venga collegato a una batteria.

Il polo negativo della batteria inserisce istantaneamente una quantità di elettroni sull'armatura del condensatore, tanti quanti ne sottrae il polo positivo della batteria stessa dall'altra armatura.

Dunque il condensatore ha le due armature cariche di segno opposto perché la batteria ha trasferito elettroni succhiandoli via dall'armatura positiva e portandoli attraverso sé stessa sull'armatura negativa.

Insomma la batteria è come una pompa che succhiando elettroni da una parte e portandoli dall'altra mantiene un potenziale nel condensatore pari alla fem.

Quando poi la batteria viene invertita di polarità caso della successiva semionda alternata, supposta come un'onda quadra , accade l'inverso, cioè l'accumulo di elettroni viene svuotato e in più viene creato accumulo di elettroni sull'armatura opposta.

Induttore Qui le cose sono un tantino meno evidenti.

In altre parole il campo magnetico variabile prodotto dalla spira provoca effetti su se stessa. Quindi i conduttori percorsi da correnti variabili rimangono cortocircuiti solo se sono rettilinei.

Sappiamo che nella spira si genera una fem indotta che causa una corrente. L'analogia vale anche sul piano energetico.

Convertitore buck

Causa principale del sovraccarico per l'interruttore, per l'utilizzatore come pure per l'intero circuito è l'accumularsi d'energia, soprattutto dovuto alle parti di carico induttivo del dispositivo. Le considerazioni seguenti valgono in linea di massima sia per interruttori elettromeccanici che a semiconduttori es.

All'apertura del contatto di comando, la corrente cerca di scorrere senza modifiche nella bobina. L'utilizzatore induttivo rappresenta cioè in questo istante una sorgente di corrente costante. Secondo la legge dell'induzione, la tensione all'induttanza L si commuta, in quanto la stessa da utilizzatore si trasforma in sorgente d'energia.

Se il contatto K è di tipo elettromeccanico, la diminuzione della corrente avviene solo lentamente a causa del più o meno marcato arco di apertura. Crescendo l'apertura di K, l'arco si interrompe. Unica possibile via per la corrente rimane la capacità parassita CP, che si carica.

Trascurando le perdite che intervengono in RL e ritenendo per semplicità che l'apertura stessa avvenga senza formazione di arco e senza rimbalzi, si ha, considerando l'energia, un'ampiezza della tensione UCP pari a: cioè, dati i valori di i e di L, il valore della tensione d'induzione nell'utilizzatore è determinata soltanto dal valore di CP.

Transitori di accensione : esercizi risolti

Occorre eliminare questa energia. In pratica i rapporti sono più favorevoli, in quanto già durante l'apertura si ha un'eliminazione d'energia attraverso RL e l'eventuale formazione dell'arco.

D'altra parte l'arco richiama dalla tensione di alimentazione altra energia, anche se non desiderata. Nell'applicazione e nell'analisi si deve distinguere fra carichi alimentati in corrente continua e in corrente alternata, come meglio si vedrà in seguito. La struttura fisica e le caratteristiche di un carico induttivo rendono impossibile la commutazione senza disturbi elettrici, se non si ricorre ad adeguati provvedimenti.

La soppressione, almeno parziale, dei disturbi si ottiene applicando un adeguato modulo antidisturbo in parallelo al carico induttivo.


Nuovi articoli: